Come avere Ecolabel
Il percorso che porta una struttura ricettiva ad ottenere il marchio europeo di qualità ecologica si sviluppa attraverso tre fasi:
  • Preparazione:
    è la fase preliminare alla richiesta di ottenimento del marchio, durante la quale la struttura turistica interessata è chiamata a verificare e dimostrare la conformità del proprio servizio e delle proprie strutture ai parametri stabiliti.

    Per il settore in esame, la Commissione Europea ha stabilito due categorie di criteri:

    • Criteri obbligatori:
      sono 37 in tutto e devono sempre essere rispettati qualora "applicabili"(a meno che la legislazione non stabilisca diversamente);

    • Criteri opzionali:
      sono 47 in tutto; il richiedente deve soddisfarne un certo numero, a scelta, in modo da raggiungere il punteggio minimo richiesto (ogni criterio dà diritto a un certo numero di punti): 16,5 punti se la struttura offre il solo servizio base di pernottamento, 17,5 se offre il pernottamento più un servizio aggiuntivo (ad esempio la somministrazione di pasti), 18,5 se offre due servizi aggiuntivi (ad esempio la somministrazione di pasti e la possibilità di usufruire della piscina) e 19,5 se ne offre tre.

    La rispondenza ai criteri obbligatori e a quelli opzionali scelti deve essere dimostrata attraverso: auto-dichiarazioni del soggetto richiedente; dichiarazioni e certificazioni rilasciate da fornitori o da terze parti ed altra documentazione di supporto; verifiche ispettive da parte dell'Organismo Competente.

    Per agevolare la preparazione della documentazione e facilitare la successiva istruttoria, l'Organismo Competente mette a disposizione del richiedente, relativamente a ogni gruppo di prodotti, un manuale del richiedente contenente:

    • Un manuale tecnico:
      redatto allo scopo di guidare passo dopo passo l'utente lungo il processo di richiesta del marchio;

    • Un documento contenente i moduli di verifica:
      nel quale sono riportati i moduli che devono essere compilati dal richiedente relativamente ad ogni criterio.

    Tutta la documentazione utile a dimostrare la conformità della struttura ai criteri stabiliti viene raccolta in un apposito fascicolo, all'interno del quale deve essere anche contenuta una descrizione dell'uso che il richiedente intende fare del marchio una volta ottenuto.

  • Richiesta ed esame:
    accertatosi dell'idoneità della struttura il richiedente compila l'apposito modulo di richiesta, vi allega il fascicolo ed invia il tutto (in duplice copia) all'Organismo Competente - il Comitato Ecolabel Ecoaudit; questi esamina la documentazione, richiede eventuali integrazioni ed effettua, se ritenuto opportuno, una o più visite ispettive presso la struttura candidata. Per completare l'istruttoria il Comitato ha di norma 60 giorni di tempo.

  • Assegnazione dell'ecolabel e rinnovo del contratto:
    se la domanda ha esito positivo il Comitato assegna al richiedente, previo sottoscrizione di un apposito contratto e registrazione dello stesso da parte della Commissione Europea, la licenza per l'utilizzo del marchio (la licenza è accompagnata da uno specifico numero a 3 campi: XX/YY/ZZ; il primo campo identifica lo Stato Membro - IT nel caso dell'Italia, il secondo il codice del gruppo prodotti - 25 nel caso del servizio turistico e il terzo il numero progressivo di licenza rilasciato per quello specifico gruppo) con validità su tutto il territorio europeo. Il nominativo della struttura viene dunque inserito nel registro comunitario dei prodotti/servizi ecolabel.
    Il contratto di assegnazione della licenza ecolabel viene rinnovato con procedura semplificata ogni qual volta i criteri per il relativo gruppo di prodotti subiscono delle modifiche (i criteri hanno una scadenza definita - 30 aprile 2007 nel caso del servizio di ricettività turistica).
    Qualora vengano violati i termini contrattuali, l'Organismo Competente ha la facoltà di sospendere il diritto all'utilizzo del marchio.
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner