Sondaggio del sito www.bed-and-breakfast.it

Vacanze – La scelta è sempre il mare e... al Sud

Con il 36,8% delle preferenze e un incremento di 2,1 punti percentuali rispetto all'estate 2011. Il 12,1 degli intervistati andrà in montagna, il 9,1%% sceglierà le città d'arte con una flessione di 3 punti percentuali rispetto al 2011; una discreta percentuale del 19,4% andrà all'estero



 

Quanti giorni dedicheranno alle vacanze estive gli italiani nel 2012? Cosa cambia rispetto allo scorso anno nella scelta delle mete di vacanza? Quali sono le tendenze: Italia o Estero, Mare o Montagna?

A queste ed altre domande proviamo a dare una risposta con un sondaggio al quale hanno risposto oltre 2.500 viaggiatori, iscritti al sito www.bed-and-breakfast.it.



Sebbene ci sia una leggera flessione in negativo rispetto allo scorso anno, il 38,4% degli intervistati farà oltre dieci giorni di vacanze nel 2012 (nel 2011 la percentuale era del 42,7%).

La meta preferita per l'estate 2012 continua ad essere il Mare italiano con il 36,8% delle preferenze e un incremento di 2,1 punti percentuali rispetto all'estate 2011. Il 12,1 degli intervistati andrà in montagna, il 9,1%% sceglierà le città d'arte con una flessione di 3 punti percentuali rispetto al 2011; una discreta percentuale del 19,4% andrà all'estero, un dato in linea con quello del 2011. La percentuale di intervistati che nel 2012 andrà all'estero per le vacanze estive motiva la scelta con un maggiore risparmio nelle spese per l'estero in proporzione alle spese di viaggio e permanenza in Italia.



Saranno soprattutto le regioni del sud ad attirare gli amanti del mare, Puglia in testa seguita da Sicilia e Calabria. Tra le mete più gettonate, per il 70% dei vacanzieri, oltre alle già citate regioni, ci sono anche Toscana, Sardegna ed Emilia Romagna che pare non risentirà dei timori dei viaggiatori rispetto al terremoto grazie alla sempre variegata offerta e alla presenza di numerosi parchi divertimento e attrazioni tipicamente estive.



Il 77,5% di coloro che faranno meno giorni di ferie dello scorso anno (37,8% del totale) motivano la loro esigenza con le ridotte risorse economiche da spendere per le vacanze. Solo il 9,9% degli intervistati dichiara che farà più ferie rispetto al 2011 mentre il 15,8% non ha ancora deciso quanti giorni dedicherà alle vacanze estive. E in tempi di crisi, per non rinunciare alla vacanze, sale il numero di coloro che piuttosto che scegliere un costoso hotel o un villaggio turistico all inclusive, organizzano una vacanza Fai-da-te rivolgendosi ad una ospitalità meno formale come quella dei B&B preferiti dal 34,2% degli intervistati. Apprezzabile anche la percentuale che riguarda, per l'alloggio estivo, le case vacanza o gli appartamenti in affitto turistico, preferiti dal 20% degli intervistati; seguono gli Hotel con il 17,5% e l'agriturismo con il 9,3%.



E veniamo al budget di spesa medio per persona relativo alle vacanze estive 2012. Il 19,7% spenderà una cifra compresa tra 301 e 500 euro, il 14,3% da 501 a 700 euro, il 10,4% degli intervistati spenderà in vacanza oltre 1.000 euro. Always on sembra essere diventato l'imperativo categorico del popolo dei viaggiatori. Internet e Smartphone sono, a pieno titolo, compagni di viaggio: il 32% degli italiani porterà il computer con sé con un aumento del 5% rispetto al 2011; il 18% utilizzerà il cellulare smartphone nel corso della vacanza.



(Fonte Bed-and-Breakfast.it)

 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner